Tomasi e Bellinelli: un titolo nazionale UISP e un grande minimo per i campionati italiani Fidal

20 marzo 2017

Con 12,90 m. Federico Bellinelli stacca un biglietto di sola andata per i Campionati italiani di salto triplo: per ora la sua è la miglior misura in Italia

Ancora grandi risultati dal settore giovanile Pontevecchio: alla Coppa Giovani Indoor di Ancona Federico Bellinelli salta 12.90 m. nel triplo, che gli vale non solo come minimo abbondantissimo per i Campionati italiani, ma che al momento è anche la miglior misura in Italia! Uno dei migliori risultati della storia della Pontevecchio Atletica, per di più ottenuto in una disciplina tecnicamente piuttosto complessa.

 

Bene anche Enrico Benuzzi, secondo nei 60 ostacoli con il tempo di 8"54, Milo Garau con 7"69 nei 60m a un centesimo dal persone al 4° tentativo dopo 3 false nella sue serie; Francesco Moggi ottiene il suo record personale nel peso a 10.51 m.; prova di orgoglio per Jacopo Varignana nei 3 km di marcia, chiusi al primo posto; sesto Gioele Garuti con 3'00" nei 1000 m.

Da ricordare anche i 200 m, con Enrico Benuzzi che chiude secondo con il tempo di 24"03, Milo Garau sesto con 24"71 e Bellinelli ottavo con 24"91. 

 

Altri buoni risultati erano invece arrivati nei giorni scorsi dai Campionati italiani UISP di corsa campestre, dove Alessandra Tomasi vince il titolo allieve; si classifica settima Sara Zanni.

Molto bene anche Gioele Garuti, secondo; Teresa Primiceri quarta negli esordienti; Luca Succi Cimenti nono negli allievi; Tobia Garuti, quarto nei ragazzi.

aggiungi un commento:

Policy dei commenti:
L'amministrazione si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a partiti politici, movimenti politici, religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.

apri la galleria scarica le immagini

Allegati:

Risultati