PRIMA PROVA NAZIONALE PER GLI UNDER 14 DI SCHERMA

10 dicembre 2015

Zevio

Il week end del 28 / 29 novembre si è svolta a Zevio la prima prova nazionale riservata alle categorie under 14di sciabola.

Nella categoria giovanissime Michela Simonetti si è classificata al 38° posto, dopo aver subito la sconfitta al primo turno di eliminazione diretta.

Nella categoria maschietti Stefano D’Errico conclude il girone di qualificazione con 2 vittorie e 4 sconfitte poi termina la gara in 52^ posizione dopo avere perso l’assato nel turno dei trantaduesimi di finale.

Nella categoria Giovanissimi i migliori della squadra della Pontevecchio sono Filippo Sanna e Matteo Monzali che nella fase a girone ottengono 3 vittorie ed altrettante sconfitte per poi uscire sconfitti negli assalti dei trantaduesimi di finale e concludere la gara rispettivamente in 40^ e 44^ posizione.

Più indietro Giacomo De Benedittis e Michele Minarini che dopo la fase a gironi sono usciti sconfitti nell’assalto per entrare nei 64 concludendo al 71^ e 73^ posto.

Nella categoria Ragazzi Massimiliano Coppola esce sconfitto al primo assalto di eliminazione diretta chiudendo la gara in 74^ posizione mentre Gianluca Serino dopo il girone concluso con 3 vittorie ed altrettante sconfitte riesce a superare il primo assalto di eliminazione diretta per poi uscire sconfitto nell’assalto successivo classificandosi in 49^ posizione.

Sicuramente un po’ di emozione per la prima uscita nazionale ed un po’ di inesperienza hanno influito in maniera negativa sul rendimento dei ragazzi, adesso si torna in palestra per preparare al meglio i prossimi impegni di qualificazione al campionato italiano under 14.

aggiungi un commento:

Policy dei commenti:
L'amministrazione si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a partiti politici, movimenti politici, religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.

apri la galleria scarica le immagini