Campionato italiano under 14

21 giugno 2016

Gran Premio Giovanissimi -Riccione

Ultimo impegno stagionale per i giovani sciabolatori della Pontevecchio.

A riccione si sono infatti svolte le prove del campionato italiano under 14.

Nella categoria giovanissime Michela Simonetti, dopo la fase a gironi conclusa con 5 sconfitte,

perde al primo assalto di eliminazione diretta e si deve accontentare del 47^ posto della classifica

finale.

Tra i giovanissimi Michele Minarini riesce a superare il primo turno di elimazione diretta uscendo

poi al secondo turno valido per l’accesso ai sedicesimi e conclude la gara in 60^ posizione.

Nella categoria maschietti, dopo un infortunio che lo ha tenuto lontano dalle pedane per un paio di

mesi, torna a gareggiare Stefano D’Errico.

Nelle due fasi a giorni riesce ad ottenere 4 vittorie ed a qualificarsi per la successiva fase di

eliminazione diretta che lo vede uscire sconfitto ai trentaduesimi di finale concludendo la gara in

60^ posizione.

Ultimo a scendere in pedana è stato Massimiliano Coppola nella categoria Ragazzi.

Uscita di scena di Massimiliano al primo turno di eliminazione diretta nell’assalto valido per

l’accesso ai trentaduesimi di finale terminando la gara in 69^ posizione.

Complimenti a tutti gli sciabolatori under 14 della Pontevecchio per l’impegno ed i risultati ottenuti

in questo anno agonistico.

Adesso si riprendono gli allenamenti per preparare al meglio la prossima stagione agonistica.

Arrivederci a settembre!!!

aggiungi un commento:

Policy dei commenti:
L'amministrazione si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a partiti politici, movimenti politici, religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.